Weekend di Pasqua la nuova realtà delle festività in zona rossa

0
0

Weekend di Pasqua la nuova realtà delle festività in zona rossa, a differenza dell’anno scorso siamo più consapevoli di quello che stiamo vivendo e delle pratiche a cui dobbiamo attenerci.

Inoltre con la possibilità di effettuare visite, qualche caro riusciremo a vederlo, non lasciando soli i parenti o gli amici a noi più affezionati.

I giorni dal 3 al 5 aprile l’intera Italia si tinge di rosso: analizziamo bene cosa si potrà o non, fare in questa Pasqua, “particolare” anche quest’anno.

Weekend di Pasqua la nuova realtà delle festività in zona rossa: cosa è permesso fare

Il nuovo decreto che implica l’intera Italia in zona rossa, è volto ad evitare pranzi allargati ed assembramenti.

Il 3, 4 e 5 aprile saranno attivi tutti i divieti e restrizioni delle zone rosse in tutta Italia, ad eccezione di alcune cose, tra cui le visite, le seconde case e la messa di Pasqua.

Analizziamo bene cosa è cambiato dalla Pasqua dell’anno scorso e cosa permette questo nuovo decreto.

Le visite nel Weekend di Pasqua

Ricordando l’importanza di condividere le festività con i parenti e le persone care, permettono le visite una volta al giorno negli orari stabiliti.

Il decreto emanato, in dettaglio permette di effettuare una uscita al giorno verso abitazioni differenti dalla propria, nell’orario stabilito tra le 05:00 e le 22:00.

In modo da permettere di recarsi ad abitazioni di amici e parenti ma solo in 2 persone, con aggiunta di minori di 14 anni o persone non autosufficienti.

Visite nelle abitazioni di amici e parenti che si trovano però, all’interno della propria Regione.

Bisogna rispettare il coprifuoco e pertanto essendo in zona rossa, è vietato ogni tipo di spostamento non necessario.

Le seconde case

Con il nuovo decreto è possibile recarsi nelle seconde case di cui si ha la proprietà o l’affitto in data precedente al 15 gennaio.

In questa abitazione si può recare solo il nucleo familiare e all’interno dell’immobile non devono vivere altre persone.

Questo decreto quindi, permette di recarsi a qualsiasi seconda casa, indifferentemente dalla colorazione della Regione dove essa è situata.

Ci sono pero delle ordinanze regionali che non permettono ciò, come nel caso di: Toscana, Sardegna e Valle d’Aosta.

In queste regioni è vietato per le persone di un’altra Regione, raggiungere le seconde case qui posizionate.

Nel caso della Campania invece, c’è un ordinanza regionale che vieta gli spostamenti verso le seconde case in ambiti regionali, ad eccezione di motivi di necessità, lavorativi o di salute.

Weekend di Pasqua: sì alla messa di Pasqua

A differenza dell’anno scorso, quest’anno la messa di Pasqua si potrà celebrare nel rispetto delle restrizioni anti-Covid.

Le chiese saranno aperte, permettendo ai fedeli di partecipare con le regole di distanziamento e sicurezza alla messa di Pasqua.

Alcuni riti della Settimana Santa non sono stati effettuati, come la via crucis o la lavanda dei piedi, per evitare rischi di contagio.

Lascia un Commento