No Green Pass Roma: previsioni e dettagli sulla manifestazione

0
0

No Green Pass Roma: oggi, venerdì 15 ottobre, scendono in piazza i manifestanti contro l’obbligo di avere il certificato per poter lavorare.

No Green Pass Roma: cosa succede oggi

Si prospetta un venerdì a dir poco particolare nella Capitale, ma non solo. Oggi, 15 ottobre 2021, il Green Pass diventa obbligatorio anche sul posto di lavoro. Questa disposizione ha causato non pochi dissensi, che verranno espressi tramite scioperi e manifestazioni. Tutta l’Italia è coinvolta in queste proteste contro l’obbligatorietà del certificato verde. I corpi di guardia si preparano a intervenire, per la paura che queste manifestazioni diventino violente, e illegali. Soprattutto si teme che ci siano “episodi di contrapposizione fra gruppi aderenti a opposti estremismi”, come dichiara Lamberto Giannini (capo della Polizia).

Le manifestazioni e i sit in previsti per la giornata coinvolgono diverse zone d’Italia. Tra le città da tenere d’occhio ci sono Milano e Roma, ma la situazione più critica – si pensa – si verificherà a Trieste.

Il sit in capitolino

A Roma la situazione è in fermento: al Circo Massimo si terrà la manifestazione No Green Pass Roma. Il sit in delle Sentinelle della Costituzione sarà guidato dall’avvocato Edoardo Polacco. La scelta del luogo è stata ponderata per evitare di causare eccessivi disagi nella Capitale, ma non solo. La tematica della manifestazione (e la sua diffusione virale sui social) preoccupa la questura di Roma, perché “potrebbe richiamare un numero maggiore di persone, superiore a quello dichiarato dal promotore, e anche di diversa estrazione”.

Per tale ragione è stato vietato ai manifestanti di svolgere il sit in nella zona di Bocca della Verità. La manifestazione quindi si svolgerà nella stessa data e ora al Circo Massimo. La zona di Bocca della Verità verrà comunque presidiata, per convogliare eventuali manifestanti verso la reale zona di interesse.

Possibili blocchi anche a Civitavecchia

Nonostante la situazione di Trieste sia critica, anche l’area portuale di Civitavecchia potrebbe annunciare di bloccare il paese. Anche qui il dissenso dei no-vax verrà manifestato, grazie a migliaia di persone pronte a protestare. Si temono disagi quindi in tutta la zona di Civitavecchia.

No Green Pass Roma

La situazione a Trieste

La vera preoccupazione delle istituzioni riguarda però la situazione a Trieste. Qui è stato confermato lo sciopero – e la conseguente manifestazione – dei portuali. La motivazione che c’è dietro è la stessa che smuove le masse a Roma, ovvero il decreto che rende obbligatorio, sul posto di lavoro, il certificato verde. Per protestare contro questa decisione tutti i lavoratori portuali (ma anche cittadini e lavoratori di altre categorie che sono contrari a tale obbligo) si sono incontrati alle 6 del mattino davanti al varco 4° del Porto di Trieste.

Alle 6:30 è iniziato lo sciopero del Coordinamento dei lavoratori portuali. Poco prima delle 7 del mattino già circa trecento persone erano radunate sul luogo dell’appuntamento. Il totale dei manifestanti presenti ora è circa un migliaio. Si prospetta comunque una manifestazione pacifista: sul posto non sono presenti le forze dell’ordine.

Situazione nelle altre regioni

Anche al porto di Genova si protesta contro il green pass obbligatorio, ma a quanto pare il porto rimane operativo. Nei porti di Napoli e Salerno non ci sono tensioni o irregolarità. A quanto pare qui la percentuale dei lavoratori non vaccinati è bassa (meno del 10 %) e non dovrebbero insorgere manifestazioni.

Situazione diversa invece a Milano, dove oggi venerdì 15 ottobre i cittadini sono pronti a manifestare. Sono previsti sit in nei luoghi simbolo della città, come il tribunale, l’università, Piazza Fontana e l’ingresso della Rai. Sui social impazzano notizie circa la manifestazione, e questo ha preoccupato non poco le forze dell’ordine – che hanno aumentato i controlli. La manifestazione inizierà alle 10, davanti al tribunale. Ancora non è chiaro se tenteranno di entrare nella corte, o se si riuniranno soltanto per dar vita a un corteo (non autorizzato).

Lascia un Commento