Terme di Caracalla in notturna dal 18 agosto al 3 ottobre

1
0

Le antiche terme aperte di notte, uno spettacolo da vivere fino a inizio ottobre

Terme di Caracalla in notturnaTerme di Caracalla in notturna, grazie alla Soprintendenza Speciale di Roma, con Electa. Dal 18 agosto fino al 3 ottobre 2017, si potrà accedere nelle antiche terme il martedì e venerdì sera, con una guida turistica che accompagnerà durante il percorso.

I gruppi saranno composti da 25 partecipanti, che potranno godersi una parte dell’antica Roma con monumentali vestigia illuminate dal chiarore della luna. Il percorso prevederà l’accesso ai sotterranei, con all’interno i servizi che servivano ad alimentare le terme in superficie. Oltre che le terme si potrà accedere al Mitreo di Caracalla, dove si percepisce tutto il mistero avvolto del culto di Mitra.

Le visite avranno una durata di 75 minuti e partiranno dalle ore 19,30, con ultima partenza alle ore 21.00.  All’interno sarà possibile immergerci nel complesso termale ascoltando esperti di archeologia e storici d’arte.

Terme di Caracalla in notturna – Un luogo che ancora oggi rappresenta la grandezza di Roma Antica

I ruderi delle Terme di Caracalla, che sono ancora ben in vista per l’immane altezza di oltre 37 metri in diversi punti, mostrano ancora oggi una nitida idea della grandezza del complesso termale. Nel complesso l’edificio e gli ambienti si sviluppano su due piani in alzatotre livelli in sotterraneo, ci permettono di vedere la luce notturna che esalta a pieno la maestosità di questo posto. La visita si conclude nella zona dei sotterranei, dove si trova l‘Antiquarium con importanti reperti provenienti dalle terme stesse. Per concludere poi il giro al Mitreo, dove è ben in vista la misteriosa fossa sanguinis.

Un evento assolutamente da non perdere per chi vuole lasciarsi trasportare in un ambiente magico dell’antica Roma, tra la misteriosità della notte che avvolge il luogo stesso.

Per la tua Pubblicità su RomaComunica.it contattaci

oppure scrivi un email a simone.detomassi@romacomunica.it

Lascia un Commento