Presepe vivente di Greccio – Rievocazione storica del 1223

1
0

È ancora visitabile il presepe vivente di Greccio in questi giorni di festa

Presepe vivente di Greccio –  La rievocazione storica del Presepe di Greccio del 1223 è una manifestazione imperdibile, a cui partecipare in questo ultimo week end del 2017.

Al presepe vivente di Greccio prendono parte numerosi personaggi in costumi medievali per dare vita al primo presepe della storia. Il primo presepe fu realizzato da San Francesco di Assisi aiutato dal Nobile Signore di Greccio Giovanni Velita.  Il presepe vivente di Greccio resterà aperto anche in questi ultimi giorni di festa e in particolare il 30 dicembre, il 1, 5, 6 e 7 gennaio sempre dalle 17:30.

Per assistere ai sei quadri viventi di cui si compone il presepe saranno a disposizione dei visitatori delle tribune con oltre 2000 posti a sedere e tensostrutture riscaldate.

Presepe vivente di Greccio –  Visita al centro storico e al Mercatino

presepe vivente di greggio

La rappresentazione del presepe vivente di Greccio mette in scena la nascita del primo presepe della storia, quello del 1223. Quello che accoglie i visitatori è una scenografia spettacolare, con un ottimo gioco di luci. Il tutto all’interno di un luogo dalla bellezza unica e naturale. Tutto ciò rende la rappresentazione davvero suggestiva.

Oltre al presepe, a Greggio in questi giorni sarà possibile visitare anche il Santuario, uno dei più importanti del francescanesimo e il centro storico con diverse attrazioni turistiche.

In questo periodo è possibile visitare il Mercatino di Natale aperto fino al 7 gennaio, con le classiche casette di legno.  Vi è anche il Museo dei Presepi con decine di opere in mostra e il Sentiero degli Artisti. Quest’ultimo è un museo  a cielo aperto con 24 affreschi sui muri esterni delle abitazioni del centro storico.

La visita al presepe vivente di Greccio, dunque, è l’occasione per conoscere un bellissimo borgo e prendere parte a una rivisitazione storica unica nel suo genere.

Per la tua Pubblicità su RomaComunica.it contattaci

Lascia un Commento