Panini a Domicilio – Mcdonald’s si rinnova per ampliare i fatturati

2
0

La famosa catena di fastfood è in fase sperimentale in Florida per riconquistare i palati 500 milioni di clienti persi

panini a domicilioPanini a domicilio – così McDonald’s da quest’anno si rinnova. Sarà possibile effettuare un ordine direttamente dallo smartphone e il panino del McDonald’s arriverà a casa. Il progetto è ancora in fase sperimentale, è partito a inizio gennaio con l’applicazione UberEats in Florida. La famosa catena di Fastfood vuole ampliare questo progetto di servizio a domicilio anche in altri paesi durante il 2017.

Secondo la stima di McDonald’s, circa il 75% della popolazione dei suoi cinque mercati principali (Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada, Germania) vive in un raggio di meno di 5 km da un McDonald’s. Così l’azienda punta a riconquistare gli oltre 500 milioni di clienti che hanno optato per la concorrenza in ambito fastfood. Il calo è avvenuto soprattutto negli Stati Uniti, dato che l’azienda dice in un comunicato queste parole “non siamo stati in grado di accontentare le aspettative dei nostri clienti“, anche se al di fuori dell’america i profitti di McDonald’s sono in continua crescita.

Panini a domicilio – Espansione del progetto a domicilio

Entro la fine di quest’anno, 2500 ristoranti di McDonald’s adotteranno la consegna a domicilio. Questo è un progetto importante e di crescita che si chiuderà in tutte le città entro questo decennio. Nel nostro paese, ancora non ci sono prospettive per questo nuovo servizio, ma l’azienda ha tutta la volontà di intraprendere questa  avventura nella penisola.

La mission di Mcdonald’s è quella di avere una crescita importante sotto l’aspetto tecnologico e digitale, per soddisfare a pieno l’esigenze dei clienti. Per questo  si sta puntando molto sul servizio a domicilio come chiave di svolta per recuperare clienti persi e stabilire nuovi obiettivi per una vendita più efficace.

Per la tua Pubblicità su RomaComunica.it contattaci

oppure scrivi un email a simone.detomassi@romacomunica.it

 

Lascia un Commento