Il Circo Massimo – Un antico Circo Romano, dedicato alla corsa di cavalli

1
0

Scopriamo la grandezza del Circo Massimo

il circo massimo a RomaIl Circo Massimo è un antico circo romano, esclusivamente dedicato alle corse dei cavalli, costruito nella città eterna. Sito tra l’Aventino e il Palatino, viene designato come il più grande edificio per spettacoli mai costruito dall’uomo, con una dimensione di 600 metri di lunghezza e 140 metri di larghezza.  Una capienza davvero incredibile, con un pubblico composto da 250.000 spettatori se non di più.

Nel circo massimo avvenne il famoso episodio del ratto delle Sabine, durante i giochi indetti da Romolo in onore al Dio Consus (Dio al quale fu affidata la protezione dei raccolti).
Per alcuni secoli le strutture del Circo Massimo rimasero in legno; si passò alla muratura con i primi lavori dopo il II secolo a.C. quando furono costruite delle strutture definite ” carceres” dove partivano i carri da corsa, e furono introdotte sulla spina le sette uova di pietra, utilizzate per conteggiare i giri. La struttura definitiva avvenne intorno al 46 a.C, grazie all’intervento di Giulio Cesare, mentre nel 33 a.C.venne aggiunta da Agrippa, una composizione di sette delfini in bronzo con le stesse funzioni delle uova. In seguito venne introdotto da Augusto anche il “palco imperiale” e l‘Obelisco di Ramsete II( trasferito poi in Piazza del Popolo nel 1589).

Il restauro, dopo l’incendio

A seguito di un grave incendio nel 36 d.C. avvenne il restauro da Caligola e da Claudio, con la ricostruzione in marmo dei carceres  e in bronzo dorato delle metae, distrutto il tutto in seguito dal grande incendio di Nerone del 64 d.C.

Egli stesso ricostruì in parte il Circo massimo, ma fu compito di Traiano ricostruire totalmente la struttura nel II secolo d.C dopo un altro incendio da parte di Domiziano. In quest’epoca risalgono la maggior parte dei resti conservatisi. Tra i più importanti restauri vi sono quelli di Antonio Pio, Caracalla e infine Costantino I. Il circo ebbe la sua efficienza fino a metà del 500, periodo in qui Totila organizzo le ultime gare.

Il Circo Massimo, la struttura e l’utilizzo oggigiorno

La facciata esterna del circo era composta da tre ordini: solo quello inferiore, di doppia altezza, era composta ad arcate. La cavea poggiava direttamente su strutture formate in muratura, che ospitavano le scale e i passaggi per raggiungere i diversi settori su cui poggiavano i sedili, e botteghe aperte verso la zona esterna. Sul lato sud è posta una torretta medioevale appartenuta ai Frangipane.

Con la sua grande disponibilità di spazio aperto, viene sempre più designato come sede per grandi eventi sia per manifestazioni, concerti, spettacoli e giubilei.

 

 

Nella prossima sezione di Arte e Cultura parleremo delle Terme di Caracalla.

Per la tua Pubblicità su RomaComunica.it contattaci

oppure scrivi un email a simone.detomassi@romacomunica.it

Lascia un Commento